logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Unione Montana Feltrina

Provincia di Belluno


Contenuto

Protezione Civile

Garantisce il coordinamento delle attività delle associazioni di protezione civile che operano nel Feltrino offrendo supporto logistico, predisponendo piani integrati, domande di contributo per acquisti e progetti specifici. Garantisce la copertura assicurativa dei volontari. In caso di emergenza, istituisce presso la Comunità Montana Feltrina un centro di coordinamento in collegamento radio con la Prefettura e con i volontari attivi sul territorio. Si occupa della gestione ed aggiornamento dei Piani comunali di Protezione Civile e del Piano Intercomunale, realizzati dalla Comunità Montana Feltrina. Coordina attività di formazione rivolta ai tecnici ed agli Amministratori dei Comuni.

Cos'è il coordinamento

Il coordinamento delle associazioni di volontariato di protezione civile delle Comunità Montana Feltrina, si costituisce nel mese di Gennaio del 1999. I soci fondatori sono i presidenti Pro-tempore delle seguenti associazioni:

- A.N.A. ,associazione nazionale alpini, sezione di Feltre;
- Radio club feltrino;
- A.R.I. ,Associazione Radioamatori, sezione di Feltre;
- Gruppo sommozzatori di Feltre;
- Gruppo speleologico di Seren del Grappa;
- Associazione volontari per la Protezione Civile ed Ambientale di Alano di Piave;
- Associazione volontari attività cinofile di Santa Giustina;
- Associazione volontari Protezione Civile Comune di Quero;
- Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, stazione di Feltre;
- Associazione volontari protezione Civile e Ambientale di San Gregorio nelle Alpi.

La sede del coordinamento è presso la Comunità Montana Feltrina in Via Carlo Rizzarda, n°21 a Feltre (BL).

Complessivamente al coordinamento fanno capo 736 volontari di Protezione Civile.

L'ambito di operatività del Coordinamento sono i 13 comuni della Comunità Montana più il comune di Lentiai.

I volontari aderenti al coordinamento hanno varie specializzazioni : vi sono radioamatori, operatori radio CB, cinofili, soccorritori, specialisti dell'antincendio boschivo, sommozzatori, speleologi, addetti alla logistica e sanitari, ecc...

La struttura organizzativa

Il coordinamento è costituito dall'assemblea dei soci, da un presidente, un vicepresidenrìte, un segretario, un tesoriere, e un revisore dei conti. Il coordinamento ha stipulato una convenzione con la Comunità Montana Feltrina. Tale convenzione regola i rapporti tra coordinamento e Comunità Montana Feltrina anche inattemperanza alle L. 266/91 e L.R. n° 40/93.

Il coordinamento è dotato di statuto e di Regolamento interno. Ha già avviato l'iter burocratico per ottenere l' iscrizione all'Albo regionale del volontariato ai sensi della L. 266/91 e all'Albo regionale della Protezione Civile ai sensi della L. 266/91

Le attività

Formulazione di una bozza preventiva per la polizza assicurativa estesa a tutti i volontari (1999) ;
Redazione piano di allertamento per le squadre di volontari in caso di calamità (2000) ;
Attività educative e divulgative presso la scuola media "G. Rocca" di Feltre (2000) ;
Servizio d'ordine in occasione della tappa feltrina del 83° Giro d'Italia (2000) ;
Esplorazione necessità di adeguamento ed integrazione attrezzatura delle singole associazioni (2000).

I compiti

Il coordinamento è sorto con l'obiettivo di coordinare le attività di tutte quelle associazioni operanti nell'ambito della protezione, e di porsi come valido interlocutore tra esse e le istituzioni e gli enti locali. Per statuto il Coordinamento lascia ampia alternativa organizzativa ed operativa alle singole associazioni.

Come contattarci

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato di Protezione civile
tel. 0439/396033
fax 0439/396034
Via C.Rizzarda, 21
32030 Feltre - Belluno
protezione.civile@feltrino.bl.it

 

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DELLA COMUNITA' MONTANA FELTRINA

Comuni di: Alano di Piave, Arsiè, Cesiomaggiore, Feltre, Fonzaso, Lamon, Pedavena, Quero-Vas, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Seren del Grappa e Sovramonte.

 

PREMESSA

Questo documento rappresenta la sesta versione del piano sovracomunale di protezione civile dei comuni della Comunità Montana Feltrina.

La prima stesura fu realizzata nel 1996 ed era sostanzialmente costituita da un data base che, seguendo il metodo Mercurio, archiviava i dati e le risorse presenti nei comuni della comunità.

La seconda versione, realizzata nel 2001, prevedeva l’applicazione del piano su sistema cartografico digitale Gis e implementava una accurata analisi del rischio incendi boschivi.

La terza versione è stata realizzata nel 2006 e a seguito dei risultati della Commissione consultiva della Provincia di Belluno, tenutasi in data 04.07.2008, con Deliberazione n. 337 del 04.12.2007 la Provincia di Belluno ha accertato la rispondenza del piano di protezione civile presentato dalla Comunità Montana Feltrina e relativo a tutti i Comuni ad essa appartenenti, agli indirizzi e direttive regionali ai sensi dell’Art. 107 lett. B) della Legge Regionale 11 aprile 2001 n. 11.

La quarta versione è stata ultimata nel mese di giugno 2008 e con comunicazione del 12.01.2009 prot. 1328/2009 la Provincia di Belluno ai sensi dell’art. 107, comma 1, lett. B della Legge Regionale n. 11 del 13/02/2001, ha validato in modo definitivo il Piano di Protezione Civile della Comunità Montana Feltrina

In tale versione è stata realizzata una maggiore integrazione fra la parte cartografica e i data base (Darvin: associazioni di volontariato, GeriPC: risorse delle amministrazioni comunali, ecc..), si è eseguita un’analisi dettagliata del rischio sismico e implementato il metodo Augustus per la creazione delle strutture comunali di protezione civile.

Il piano è stato realizzato in formato digitale e installato presso tutti i comuni per rendere agibili gli aggiornamenti e la consultazione.

La stesura della quinta versione ha visto come obbiettivo principale, oltre al normale aggiornamento di tutti i dati contenuti nel piano, il recepimento delle indicazioni contenute nella Dgr. 1575/2008 in merito all'archiviazione informatizzata dei dati. Si è inoltre migrato dal sistema gis ArcMap a GeoMedia. Si evidenzia inoltre come si sia adottato per la determinazione dei rischi il sistema matrice di rischio che elimina la discrezionalità dello stensore dalla valutazione del rischio.

L'attuale versione, la sesta, ha visto un'integrazione dei dati con le Nuove Linee Guida per la standardizzazione e lo scambio informatico dei dati in materia di protezione civile del 2011.

Tale revisione ha portato ad inserire nuovi elementi geografici ed a inserire il dato ISTAT nelle tabelle dei singoli SHP; inoltre, il piano, è stato integrato con il modulo Rubrica, previsto dalla Release 2011 delle Linee Guida

 

 

 

versione

anno

tipo

relatore

attuale

6,0

2013

revisione

Raveane Andrea – Borsato Roberto – Lorenzon Silvia

precedente

5,0

2011

revisione

Ing. Maurizio Girola

precedente

4,0

2009

integrazione

Ing. Maurizio Girola

precedente

3,0

2006

revisione

Ing. Maurizio Girola

precedente

2,0

2001

revisione

Dr. Orazio Andrich

precedente

1,0

1996

stesura

Studio Tepco

 

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
Viale C.Rizzarda, 21
P.Iva IT 00855160255
P.E.C. cmfeltrina.bl@cert.ip-veneto.net